Gli errori da non commettere quando prendi in affitto una casa

Ecco di seguito dei problemi che si potrebbero evitare con un po' di informazione e facendo le cose bene, fin dall'inizio.

1) Non firmare mai niente a scatola chiusa; è fondamentale conoscere l'appartamento e verificarne lo stato, in particolare lo stato delle finestre e il tipo di riscaldamento.

2) L'inquilino deve pretendere che il contratto sia messo per iscritto e legalmente registrato. Il bollo è a carico dell'inquilino e le tasse equamente divise con il proprietario.

3) Fare l'inventario della casa presa in affitto, indicando tutti i mobili e gli infissi con il loro stato di usura. Questo verbale va allegato al contratto.

4) La regola generale prevede che le spese di manutenzione ordinaria siano a carico dell'inquilino mentre le spese di straordinaria manutenzione competano al proprietario, ma non sempre la distinzione, nei fatti, è così chiara.

5) Non versare mai la cauzione in contanti e senza chiedere una ricevuta, per avere la garanzia che i soldi ti vengano restituiti alla fine del contratto. Il proprietario non può pretendere una cauzione superiore alle tre mensilità.

6) Alla scadenza di ogni anno di locazione, il proprietario deve corrispondere all'inquilino gli interessi legali maturati dal deposito cauzionale (attualmente sono lo 0,50%)

 

Partecipa alla discussione

Compare listings

Confrontare
Ricerca
Fascia di prezzo Da A